Parlare con voce acuta non è femminile

Una persona che parla sempre con voce acuta non avrà una voce né femminile né naturale

Quando pensiamo alla femminilizzazione della voce, la prima cosa che ci viene in mente sono gli ACUTI: rendere una voce acuta, parlare con tono acuto, cercare gli acuti, esaltare gli acuti … e molte di queste volte a scapito delle note basse. È chiaro che se chiediamo a qualcuno per strada ciò che differenzia la voce di un uomo dalla voce di una donna, la maggior parte delle risposte sarà la stessa: la voce della donna è acuta e la voce dell’uomo è grave. Questa categorizzazione riduttiva è dovuta al fatto che, in effetti, l’intervallo di frequenza per le donne è al di sopra dell’intervallo di frequenza per gli uomini.

Tuttavia, esiste un’area di frequenza comune e quando analizziamo attentamente il discorso di un uomo e il discorso delle donne, ci rendiamo conto che ciò che differenzia veramente un discorso da un altro non è semplicemente la nitidezza della voce, ma piuttosto la MELODIA, cioè la capacità che abbiamo di percorrere una certa quantità di frequenze quando parliamo.

C’è anche ciò che chiamiamo ESTENSIONE VOCALE, ovvero le note che si trovano tra la nota più bassa e la nota più alta che una persona è in grado di produrre. Nel caso delle donne o del discorso femminile, osserviamo che le donne raggiungono note alte ma anche note basse. Mentre il discorso maschile si concentra principalmente su note basse (attenzione, ogni persona è diversa e questo può differire da una persona all’altra). Ma penso che soprattutto la cosa più importante sia definire ciò che è considerato acuto e ciò che è considerato grave. Il più delle volte classifichiamo i suoni gravi e acuti in base alla differenziazione tra l’intervallo femminile e maschile.

Nella grafica qui sotto, che proviene dall’applicazione Voice Pitch Analyzer,, potrete vedere spontaneamente il discorso di una donna e il discorso di un uomo. L’applicazione definisce l’intervallo vocale femminile tra 165Hz e 255Hz e l’intervallo vocale maschile tra 85Hz e 180Hz. Ma ai nostri giorni, cosa significa veramente? Cosa implica, in che modo questa classificazione ci influenza? È chiaro che non passiamo tutto il tempo con questa applicazione accesa per analizzare il nostro modo di parlare. Non lo fanno nemmeno coloro che vivono nell’ambiente che ci circonda e tantomeno il loro cervello è in grado di quantificare queste frequenze semplicemente ascoltandole (nessuno può dirti, mmm, hai appena emesso un suono a 135 Hz!). Sentiamo semplicemente persone che parlano intorno a noi e il nostro cervello ci fornisce le informazioni che si, secondo i nostri criteri, è una voce femminile o maschile.

In questo articolo, quello che sto cercando di dimostrare è che si sta sopravvalutando il rendere la voce acuta in tema di femminilizzazione. Con i miei 15 anni di esperienza, e dopo ore di studio, analisi, ricerca della voce femminile e naturale, vi posso assicurare che una persona che parla costantemente con voce acuta senza usare le note basse nel suo discorso, sarà percepita più come una persona che ha una voce infantile che una con voce femminile. Vorrei sottolineare l’importanza della melodia più che l’acutizzarsi della voce in tema di femminilizzazione. È anche importante fare riferimento al concetto di voce, come ho accennato in un precedente articolo, e analizzare il discorso femminile in modo obiettivo. In effetti, quando femminilizziamo, ciò che facciamo veramente è esaltare gli elementi vocali e prosodici nel modo più femminile possibile. Per fare questo, lavoriamo su ritmo, fluidità, articolazione, risonanza, espressività facciale e, naturalmente, la melodia.

Nel metodo Astudillo, lavoriamo l’estensione vocale come una priorità, ma non solo verso l’alto, cioè non solo verso gli acuti, ma lavoriamo e arricchiamo anche la qualità dei suoni gravi.

Il segreto di una voce femminile e naturale risiede nell’elasticità del movimento laringeo che consente alla paziente di parlare con una voce più melodiosa e melodica andando verso gli acuti e ritornando verso i suoni gravi e viceversa.

Ecco la ragione del titolo di questo articolo, “parlare con voce acuta non è femminile”. La vera ricchezza del linguaggio femminile si trova nella fluttuazione o variazione di frequenza che usiamo durante il discorso. In parole più semplici, per parlare in modo femminile l’importante è usare sia i suoni acuti che gravi in modo equilibrato, proponendo uno schema melodico vario.

Questo è anche uno dei motivi per cui non siamo a favore di un intervento chirurgico per la femminilizzazione della voce, poiché in realtà questo intervento non rende la voce più femminile, ma la rende semplicemente più acuta. Ciò che realmente crea un problema è che la chirurgia impedisce ai pazienti di avere di nuovo note gravi, limitando così la possibilità della melodia nel discorso della paziente.

In un altro articolo ho già menzionato tutti i punti negativi dell’intervento chirurgico, ma questo è uno dei punti più negativi secondo il mio punto di vista. Se un paziente non è in grado di produrre una melodia nella sua voce, presenterà una voce falsa, artificiale, infantile, una voce da principessa o da cartone animato, tutt’altro che naturale. Per non parlare ovviamente dell’aria in eccesso nella voce che si osserva nella maggior parte dei casi di donne transgender che subiscono un’operazione delle corde vocali in cerca di un tono più acuto.

Mariela ASTUDILLO RAMÍREZ

Mariela ASTUDILLO RAMÍREZ

Logopeda especializada en feminización de la voz

So che si parla molto di logopedia e chirurgia in termini di femminilizzazione della voce, che dall’esterno si nota come se ci fosse una disputa tra le due opzioni, che alcune pazienti optano più per la chirurgia e altre più per la logopedia, ma siamo onesti e sinceri, cerchiamo di essere obiettivi e obiettive, ma soprattutto, e per quanto mi riguarda, cercherò di essere il più professionale possibile e di aiutarvi a ragionare sulla vera essenza di una voce femminile. Smettete di pensare che, poiché parlerete con una voce acuta, avrete quindi una voce più femminile; parlare con voce acuta non è femminile, la femminilità non risiede in una semplice voce acuta. Un esempio concreto di questo, è pensare a un uomo che legge un testo in modo acuto, ti sembrerebbe femminile?

Se la femminilizzazione di una voce si baserebbe unicamente nel renderla acuta ovviamente la chirurgia sarebbe l’opzione migliore. Ma non è così. E credetemi, se ci fosse un intervento miracoloso per femminilizzare le vostre voci, sarei la prima a incoraggiarvi a farlo. Tuttavia, e dalla mia esperienza con tutte le pazienti che hanno lavorato con me negli ultimi anni, posso assicurarvi che se allenate le vostre voci esaltando correttamente tutti quei parametri vocali e prosodici, otterrete una voce femminile e naturale per sempre senza tornare indietro (a meno che non si desideri) e in modo sano senza correre rischi inutili. Ecco perché la logopedia è attualmente la soluzione più consigliata per femminilizzare una voce.

Inizia ORA

Non dubitare più e contattaci, il tuo primo appuntamento è totalmente GRATUITO. Ti orienteremo e risolveremo tutti i tuoi dubbi.
Skype us:
Contattaci tramite WhatsApp